Gesù. Il senso. Un medico per gli ultimi incontra il grande maestro. Con CD-Audio

Gesù. Il senso. Un medico per gli ultimi incontra il grande maestro. Con CD-Audio

Perché un libro su Gesù? Ce ne sono tanti, tantissimi. Certamente migliaia. Tutto nasce dal mio cuore, più che dalla mia mente: di questo ne sono certo. Ho sentito sgorgare in me questa esigenza forte: voglio scrivere "per Cristo, con Cristo, in Cristo e a Cristo!" Tutto questo come si scrive (o meglio si scriveva!) una lettera alla donna innamorata. Tutto qui. Appartengo alla grande "famiglia" dei "laici". E sono medico, marito, padre, figlio, fratello, immerso nel tessuto di una vita normale. Le riflessioni del testo sono la mia storia passata, il mio presente bello, il mio futuro, penso, ancor più sfolgorante. Ho pure scritto delle canzoni. Meglio, sono partito da queste e poi ho scritto il libro. Non sono, evidentemente, un cantautore, ma amo la musica e, aiutato da due cari amici ho scritto le canzoni. Così ho voluto abbinare parole e musica. Spero che emerga il mio, il nostro signore. E so che comunque mi perdonerà se, fra le righe, qualche volta c'è un po' troppo io e poco Dio. In ogni caso, per me questo libro è stata una preghiera. Auguro a chi mi leggerà un'unica cosa: lasciatevi abbracciare da Lui. E non opponete resistenza.

Il papiro, fatto di materiale spesso simile alla carta che si ottiene tessendo insieme gli steli della pianta di papiro, poi battendolo con un attrezzo simile al martello, veniva utilizzato in Egitto per scrivere, forse già durante la Prima dinastia, anche se la prima prova proviene dai libri contabili del re Neferirkara Kakai della V dinastia. Il papiro, fatto di materiale spesso simile alla carta che si ottiene tessendo insieme gli steli della pianta di papiro, poi battendolo con un attrezzo simile al martello, veniva utilizzato in Egitto per scrivere, forse già durante la Prima dinastia, anche se la prima prova proviene dai libri contabili del re Neferirkara Kakai della V dinastia. Il papiro, fatto di materiale spesso simile alla carta che si ottiene tessendo insieme gli steli della pianta di papiro, poi battendolo con un attrezzo simile al martello, veniva utilizzato in Egitto per scrivere, forse già durante la Prima dinastia, anche se la prima prova proviene dai libri contabili del re Neferirkara Kakai della V dinastia. Il papiro, fatto di materiale spesso simile alla carta che si ottiene tessendo insieme gli steli della pianta di papiro, poi battendolo con un attrezzo simile al martello, veniva utilizzato in Egitto per scrivere, forse già durante la Prima dinastia, anche se la prima prova proviene dai libri contabili del re Neferirkara Kakai della V dinastia.